4 Ricette gustose per ipertesi

Oggi vedremo 4 ricette gustose per ipertesi. Abbiamo già scritto un’articolo su come abbassare la pressione subito utilizzando dei rimedi naturali. Chi è iperteso, come me, sa quanto sia importante tenere a bada la pressione. Molte persone a cui è stata diagnosticata l’ipertensione vengono curate con l’uso di medicine chimiche. I cosiddetti beta-bloccanti che sono in grado di abbassare la pressione. Io stesso ho preso questi medicinali per molti anni. Se volete leggere la mia esperienza vi rimando a questo link.

Ipertensione, il concetto è quello di curarsi con il cibo

Ma la cosa importante da comprendere, se vogliamo guarire veramente, è un semplice concetto già espresso da Ippocrate in persona. Lui affermò: “Che il cibo sia la vostra medicina” In questo suo ragionamento è implicita la ricetta per guarire non solo dall’ipertensione ma da tutti i mali e le malattie. Sarebbe un po come dire: dimmi cosa mangi e ti dirò di quale disturbo puoi curarti! La natura ha messo tutto alla nostra portata per curare i diversi mali che ci affliggono. Sta a noi informarci e agire di conseguenza.

Consigli preliminari per gli ipertesi

Prima di condividere con voi alcune ricette gustose per ipertesi, vediamo un’attimo quelle che sono le linee generali che dovremmo seguire se vogliamo combattere davvero questo disturbo. Iniziamo subito col dire che prendere gli ipertensivi e mangiare di tutto e di più (tanto ci pensa la pastiglia) è la cosa più sbagliata che possiamo fare. Sarebbe come prendere il biancospino, un antipertensivo naturale estratto da una pianta e poi peggiorare la situazione mangiando qualsiasi cosa. Io stesso ho commesso quell’errore per molti anni. E’ vero che i beta-bloccanti ti terranno la pressione a bada, a prescindere dalla tua dieta. Ma come funzionano i farmaci antipertensivi?

I farmaci antipertensivi bloccano i sintomi

I farmaci antipertensivi come quasi tutti i farmaci non fanno altro che bloccare i sintomi, ma non curano la causa. Ad esempio tu puoi mangiare cibi salati, tanto ci pensa il farmaco, oppure puoi mangiare farinacei pieni di glutine tanto c’è l’azione del betabloccante. Ma gli effetti che il farmaco ti evita di avere, si possono ripercuotere su altri organi.

Ad esempio il tuo fegato sarà stracarico in primis per la sostanza chimica delle pastiglie. Poi dovrà filtrare anche le altre sostanze dannose come glutine e sale. In poche parole tenere a bada la pressione in questo modo, può costare caro al tuo fegato o ad altri organi.

Linee generali per curare l’ipertensione

E’ molto meglio se inizi una dieta bilanciata da subito, escludendo gli alimenti dannosi per la tua pressione. Se fai in questo modo, col tempo, e gradatamente, un po alla volta potrai smettere di prendere i farmaci e di rischiare i suoi effetti collaterali. Uno dei primi consigli che ti posso dare per curare davvero l’ipertensione è quello di escludere il sale e i farinacei con il glutine dalla tua dieta.

Già con questo accorgimento sarai sulla buona strada per la guarigione. Fai delle lunghe camminate, sopratutto dopo i pasti. Il movimento contribuisce ad abbassare i livelli pressori. Il glutine, anche se non sei celiaco è un veleno per il nostro organismo e contribuisce non poco ad aumentare la pressione negli ipertesi. Quando si consiglia di togliere sale e farinacei a molti casca giù il mondo.

Pensano che senza questi due elementi le loro diete devano essere insipide. Invece non è così, ecco perché abbiamo titolato questo articolo ricette gustose per ipertesi. Con un po di fantasia e l’uso di spezie varie anche noi ipertesi ci possiamo preparare dei piatti sfiziosi.

Ricette gustose per ipertesi

Ora vedremo alcune ricette gustose per gli amici ipertesi. Tutte le ricette sono a base di alimenti che non gravano sulla pressione sanguigna ma anzi, alcuni di loro aiutano ad abbassarne i valori.

  1. Rollatine di pollo alle verdure. Prendete del petto di pollo. Fatevi tagliare delle fette in base a quante porzioni volete cucinare. Acquistate una busta di minestra di verdure surgelata. Prendete un cucchiaio di queste verdure, tra cui troverete fagioli, carote, patate, broccoli e altre, e inseritelo all’interno di ogni fetta di pollo. Chiudete le fette con dei stuzzicadenti in modo che il ripieno rimanga all’interno. Adagiate le rollate in una teglia. Versate un goccio d’olio d’oliva. Completate riempendo gli spazi vuoti della teglia con dei fagioli borlotti precotti. Condite il tutto con dell’aglio in polvere, peperoncino o pepe secondo i vostri gusti. Tagliate delle scaglie di pecorino e versatele sopra le rollate. Portate in forno a fuoco medio per 30-45 minuti.
  2. Broccoli e sedano al forno. Tagliate le cime di mezzo broccolo, un sedano tagliato a fette sottili. Mettete tutto in una teglia con un filo d’olio. Completate la guarnizione con fagioli precotti. Aggiustate di pepe o peperoncino a seconda dei gusti. Versateci sopra il succo di mezzo limone. Completate il tutto con delle scaglie di pecorino. Portate in forno a fuoco medio-basso per 25-30 minuti.
  3. Patate all’ortolana. È un ottimo esempio di ricetta ottima per una dieta contro l’ipertensione. Queste patate contengono erbe aromatiche e alimenti come l’aglio, che offre un sapore particolare e piacevole, oltre alle proprietà salutari.
  4. Cavolfiore con vinaigrette. In generale, più condite sono le verdure, più sapore hanno, ma per riuscirci non serve aggiungere il sale. Questa saporita ricetta lo dimostra. Puoi preparare il cavolfiore o un altro ortaggio alla vinaigrette e vedrai che mangiare senza sale non è così male. Al contrario, è squisito!
Conclusione

Spero che questo articolo ti sia stato utile. Abbiamo visto che con un po d’immaginazione si possono preparare dei piatti deliziosi senza l’uso di sale e si può sopravvivere anche senza mangiare farinacei e glutine. Ma più importante ancora è che se vogliamo guarire davvero la nostra ipertensione, dobbiamo fare nostro il concetto di Ippocrate: “che il vostro cibo sia la vostra medicina”

4 Ricette gustose per ipertesiultima modifica: 2019-01-30T07:03:45+01:00da vitasalutare
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento